Abilitando Cultura

La cultura accessibile dalla Convenzione al quotidiano

L’art 30 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità del 2006, nel combattere ogni discriminazione fondata sulla disabilità, definisce compiutamente il diritto delle persone con disabilità a prendere parte su base di uguaglianza con gli altri alla vita culturale e raccomanda di consentire l’accesso ai prodotti e alle attività culturali tra i quali film, mostre, musei, siti culturali e spettacoli teatrali.

Il dettato della Convenzione si scontra, tuttavia, con una realtà ancora troppo orientata all’accesso fisico per le persone con disabilità motoria, mentre ben poco è stato fatto per favorire la piena inclusione di persone con disabilità sensoriale e cognitiva.

Per contribuire ad una inversione di tendenza, Abilitando Onlus in collaborazione con l’Associazione +Cultura Accessibile, ha elaborato il progetto “Abilitando Cultura” che assume un approccio multilaterale che riconosce le differenze e si attiva per gestirle nell’accessibilità di musei, luoghi culturali e della fruizione culturale in genere, in un’ottica di accessibilità FOR ALL.

Abilitando Cultura si rivolge a tutti gli attori della cultura non tanto per chiedere una maggiore sensibilità alla accessibilità, pur sempre importante, ma per promuovere la piena accessibilità alla fonte, nel momento in cui si progetta, si produce, si distribuisce.

Chi si occupa di dirigere e gestire siti culturali o di produrre attività culturali spesso si trova a dover compiere scelte rese talvolta complicate dal tipo di struttura, dagli impedimenti fisici e dalla rigidità della progettazione o, ancor peggio, dalla scarsa conoscenza dei temi legati all’accessibilità per le persone con disabilità (ancor meno se si tratta di disabilità sensoriale e cognitiva).

Nonostante queste difficoltà, è pur vero che intorno al tema dell’accessibilità museale, ai luoghi della cultura e ai prodotti culturali si stanno muovendo molte energie e tante sono in procinto di nascere, con il pericolo – tuttavia – che le energie spese si traducano in risultati che non superano la dimensione locale, che non siano in relazione con altre esperienze già in essere o in gestazione altrove: in una parola che non facciano rete.

L’approccio ampio del progetto si pone lo scopo di porre delle basi di riferimento affinché iniziative e soluzioni valide presenti in singole realtà, superino gli ostacoli della dimensione locale e trovino un’applicazione organica, vasta e omogenea, al fine di evitare inutili duplicazioni e/o difformità nelle procedure e nelle soluzioni.

Logo Abilitando Cultura
Scarica la brochure di Abilitando Cultura
copertina brochure Abilitando Cultura
Menu